NOTA! Questo sito utilizza i cookie tecnici.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

alphaL’esperimento Alpha che si trova all'Antiproton Decelerator del Cern ha osservato per la prima volta la struttura iperfine dell’anti-idrogeno, il corrispettivo di antimateria dell'idrogeno: il risultato è pubblicato sulla rivista Nature. Lo studio è una delle prime applicazioni all'antimateria della spettroscopia, che consiste nel misurare la struttura interna degli atomi sfruttando la loro interazione con la radiazione elettromagnetica. Si tratta della misura di una energia caratteristica dello spettro iperfine dell'anti-idrogeno ottenuta osservando il comportamento degli atomi di anti-idrogeno quando vengono irraggiati con microonde.

Questi atomi sono stati prodotti artificialmente all'Antiproton Decelerator dall'esperimento Alpha, e confinati grazie a intensi campi magnetici per poterli studiare. “Per capire se un anti-atomo si comporta come un atomo, l'energia misurata viene confrontata con l'analoga proprietà dello spettro dell'idrogeno, che è nota con grande precisione. In questo caso, entro i limiti di precisione di questa misura, non sono state osservate differenze significative tra i due spettri. Un risultato senz’altro entusiasmante!” commenta Simone Stracka , ricercatore associato Infn. [Eleonora Cossi]

Foto: Maximilien Brice/CERN

Pin It