NOTA! Questo sito utilizza i cookie tecnici.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

 

[as] chi siamo

Asimmetrie è la rivista dell'Istituto Nazionale di Fisica Nucleare (Infn): una rivista di informazione e divulgazione, piena di curiosità e approfondimenti sulla fisica delle particelle, con infografiche e immagini utili alla didattica. Ogni numero di Asimmetrie è una monografia che si sviluppa attorno a un tema scientifico. La rivista esce con cadenza semestrale, ad aprile e a ottobre di ogni anno.
 

as 22: [errori]

aprile 2017

 

Caro lettore,
La parola errore per un fisico ha un significato positivo, contrariamente a quello che può pensare chi confonde il concetto di errore con quello di sbaglio.

[>]  continua a leggere l'editoriale

  [scarica pdf] oppure vai alla [versione online]
 
 
Image
Il supermicroscopio europeo Xfel è entrato in funzione 26 Aprile 2017
Lo European Xfel, il futuro supermicroscopio europeo a elettroni liberi, ha concluso con successo una delle ultime fasi della sua costruzione: il...
[>]  continua a leggere...
Image
Lanciato il test sul pallone della Nasa Euso-Spb 25 Aprile 2017
Il pioneristico osservatorio Euso-Spb (Extreme Universe Space Observatory – Super-Pressure Ballon) è stato lanciato dalla Nasa con...
[>]  continua a leggere...
Image
Uno "strano" risultato a Lhc 24 Aprile 2017
L’esperimento Alice a Lhc del Cern ha osservato per la prima volta nelle collisioni tra protoni un aumento di produzione di particelle...
[>]  continua a leggere...
Image
Alla scoperta del cosmo a Sperimentando 21 Aprile 2017
È stata inaugurata venerdì 21 aprile alle ore 11, nella Cattedrale ex Macello di via Cornaro a Padova, la XVI° edizione della...
[>]  continua a leggere...
Image
Fisica da festival 19 Aprile 2017
È stato presentato oggi a Roma il programma del National Geographic Festival delle Scienze di Roma realizzato quest’anno con la...
[>]  continua a leggere...

ctf img 7176 v1 smallDark Side-50, il nuovo esperimento per la ricerca di materia oscura, ha presentato i primi risultati alla conferenza Dark Matter 2014, in corso questa settimana alla University of California di Los Angeles. Dark Side-50 ha recentemente avviato la presa dati ai Laboratori Nazionali del Gran Sasso (Lngs) dell'Infn, dove opera in un ambiente protetto dalla radiazione cosmica, grazie ai 1400 metri di roccia del massiccio montuoso che lo sovrastano.

“I dati presentati alla conferenza – spiega Gioacchino Ranucci, della sezione Infn di Milano, uno dei due coordinatori del progetto – scaturiscono dal primo periodo di funzionamento dell’apparato avviato nello scorso mese di novembre, ed è assolutamente rimarchevole che, in un così breve lasso di tempo, sia stato possibile non solo effettuare la messa in opera del rivelatore, ma già produrre risultati di grande implicazione tecnologica, che sottolineano in maniera univoca come l’argon sia una scelta ottimale per le successive fasi di ricerca della materia oscura”.

Il materiale attivo su cui si basa l’apparato è l'argon liquido alla temperatura di -189 °C, che costituisce il bersaglio per l’interazione delle ipotetiche Wimp (Weakly Interacting Massive Particle), ad oggi i più probabili candidati come particelle costituenti la materia oscura. Il bersaglio è circondato da altri due volumi riempiti, rispettivamente, di scintillatore liquido e di acqua, utilizzati per la riduzione e l’identificazione dei segnali di fondo, cioè di tutte quelle particelle che raggiungono l’esperimento ma che non sono di interesse per lo studio. Dark Side-50, finanziato con gli essenziali contributi dell’Infn, della National Science Foundation (Nsf) e del Department of Energy (Doe), nasce dallo sforzo di una vasta collaborazione internazionale in cui partecipano anche gruppi provenienti da Francia, Polonia, Ucraina, Russia e Cina.

box-app4

 

abbonati

 
APP
iOS Android


[as] archivio